"THE END"

"THE END"
http://www.romafaschifo.com

mercoledì 1 gennaio 2014

Italia, un paese sul lastrico in mano al Vaticano che lascia i poveri a morire di fame

Io ripropongo: DENARO CHE IL VATICANO RICEVE ANNUALMENTE DAL GOVERNO ITALIANO, e inoltre, il mio "vecchio" Noi, Italia, Siamo la Conferma che l'Ignoranza Funziona , molto importante la tabella che vedrete in questa pagina sul livello di laureati in ogni paese OCSE e noi che siamo come la Turchia ... e qui se volete leggere, troverete di tutto.
Buona lettura

L'Italia, il quartier generale della Chiesa Cattolica, è l'avanguardia del peggio che potrà capitare al resto d'Europa sempre più sotto il giogo della dittatura Vaticana. Italia, un paese fanalino di coda per meritocrazia, dove solo i raccomandati e i paraculati figli di papà trovano buoni lavori e vanno nei posti che contano; Italia, dove dominano "scadente capitale umano, aggravato da sistemi di selezione in cui il merito gioca un ruolo minore; un pulviscolo di organizzazioni dedite alla conquista e difesa delle rendite; una resistenza diffusa al cambiamento, alimentata da culture anti-industriali e contrarie alla crescita; burocrazia opprimente; istituzioni deboli e incapaci di decidere. Un ambiente in cui governi mirano al massimo a sopravvivere, ma non sono in grado di far nulla per arrestare l’impoverimento"; Italia, dove più studi e meno ti pagano, e dove i tuoi studi fatti con merito e sacrificio, a differenza di tutti gli altri paesi civili, non ti danno alcuno sbocco concreto se non l'indigenza (si veda anche Sei più qualificato? Ti pago di meno. In Italia stipendi bassi per le professioni specializzate). Italia, un paese dove prosperano solo le lobby e le corporazioni con i loroprivilegi parassitari mentre il paese va a fondo; Italia, dove "I figli dei bancari ereditano il posto del padre", dove notai, petrolieri, banchieri, farmacisti, commercialisti, assicuratori sono tutti ben rappresentati in Parlamento. Italia, dove dagli anni Ottanta la disuguaglianza sociale è cresciuta del 33%.
Italia, dove la madre di tutte le lobby parassite si chiama VATICANO!! Italia, dove i cappellani militari succhiano allo stato 15 milioni di euro l'anno. Italia, dove, secondo le stime del'UAAR, la Chiesa Cattolica costa allo stato italiano (cioè a tutti gli sfigati lavoratori dipendenti che pagano le tasse) ben 6 MILIARDI E 500 MILIONI ALL'ANNO; oppure, se vogliamo tenerci più bassi, 3 MILIARDI DI EURO, secondo le stime di Massimo Teodori. Italia, dove "il parassitismo della Santa Sede ha origine nei Patti lateranensi firmati da Mussolini nel 1929, inseriti nella Costituzione del 1948 per volontà di Pio XII e Togliatti, e rinnovati nel 1984." 


Italia, dove quasi tutti i governi sono stati guidati da CATTOLICI FERVENTI (De Gasperi, Leone, Pella, Tambroni, Fanfani, Moro, Colombo, Segni, Scelba, Zoli, Rumor, Forlani, Cossiga, Goria, De Mita, Andreotti, Berlusconi, Prodi, Ciampi, Monti, Letta), con veramente poche eccezioni.



Italia, dove tra i Governatori della Banca d'Italia abbiamo avuto CATTOLICI FERVENTI come Guido Carli, Carlo Azeglio Ciampi, Antonio Fazio e Mario Draghi: Italia, dove poi ci hanno detto che il complotto era degli ebrei nelle banche centrali e dei comunisti al governo! Italia, dove tutti questi cattolici ferventi hanno portato il paese ad avere "il 50% della ricchezza nelle mani del 10% delle famiglie". Italia, che è "tra i paesi [dove si] registrano le maggiori disuguaglianze nella distribuzione dei redditi, seconda solo al Regno Unito nell'Unione europea" e dove "i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri". Italia, dove se sei povero ti attacchi al tram di diventare anche solo un poco benestante, perché siamo al penultimo posto in classifica, seguiti dal Regno Unito, per quanto riguarda la mobilità sociale (si veda Intergenerational Income Mobility della Conference Board of Canada). [nota: il Regno Unito è un paese finto protestante-anglicano, perché i suoi Cavalieri di San Giovanni “Non Cattolici", con a capo la Regina Elisabetta II, sono sotto il controllo del Papato Romano].
Italia, dove un italiano su tre arriva a fine mese solo con l'aiuto dei genitori. Italia, un paese in cui "le persone a cui manca il lavoro, totalmente o parzialmente, sono 7,3 milioni, due volte la cifra di sei anni fa. Anche i poveri sono raddoppiati a 4,8 milioni. Le famiglie hanno tagliato sette settimane di consumi, ossia 5.037 euro in media l’anno. Dall’inizio della crisi (fine 2007) si sono persi 1 milione e 810 mila Ula (Unità di lavoro equivalenti a tempo pieno)", come afferma Confindustria.
Italia, un paese in cui la giustizia funziona peggio di paesi come Sierra Leone, Malawi, Iraq e Bolivia (siamo al 155° posto in classifica su 185 paesi; si veda il rapporto Doing Business in Italy 2013[qui e qui a pag.40] della Banca Mondiale). Italia, 69° posto su 175 nella classifica dei paesi corrotti (a pari merito con il Kuwait; al primo posto c'è il paese meno corrotto, che è la Danimarca; sopra di noi, e quindi meno corrotti, il Ghana, la Namibia, il Rwanda; si veda Transparency International). Italia, paese analfabeta del millennio, dove secondo l'OCSE, su 24 paesi suoi aderenti siamo "ultimi per conoscenze di base, penultimi per capacità di calcoli"; dove "un italiano su cinque ha problemi di lettura, mentre in Giappone e Finlandia il rapporto scende a 1 su 20 e 1 su 10. Inoltre quasi un terzo della popolazione leggendo un libro o qualsiasi altro testo scritto riesce a interpretare soltanto informazioni semplici." Italia, dove "un italiano su due non legge neppure un libro all'anno"; "L'anno scorso soltanto il 46% degli italiani ha letto almeno un libro, tra questi il 51,9% sono donne e il 39,7% uomini; per tracciare un paragone è utile sapere che tali numeri lievitano fino all'82% nel caso della Germania, al 70% in Francia mentre, in Spagna, il 61,4% degli intervistati si concede la lettura di (almeno) un libro." Italiani, all'ultimo posto in Europa per numero di laureati; "gli italiani si nutrono sempre meno di cultura e sono ultimi in Unione europea per numero di laureati con il 20,3% di persone di 30-34 anni che hanno conseguito un titolo universitario a fronte del 34,6% della media Ue." E poi ci dicono che i laureati in Italia sono troppi e che costoro devono andare a raccogliere banane! Allora perchè in tutti i paesi europei sono molti di più e sono quasi tutti occupati con impieghi ben remunerati e relativi alle competenze acquisite? Perchè gli altri paesi hanno economie più avanzate della nostra, con industrie serie; non sono paesi che vogliono vivere di PIZZA, MAFIA, VATICANO E MANDOLINO! (Se volete un'esposizione dettagliata sul numero di laureati da terzo mondo che ha l'Italia e sul come questi laureati fatichino ad inserisi in un'economia italiana da terzo mondo in cui, al contrario del trend dell'Unione Europea, diminuiscono le professioni ad alta specializzazione, leggete il XV RAPPORTO ALMALAUREA SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI, Sintesi di Andrea Cammelli)

Sopra potete vedere uno screenshot del Rapporto Almalaurea a pagina 5; guardate bene dove si posiziona l'Italia per quanto riguarda la percentuale di laureati sulla popolazione complessiva.

L'Italia è il paese dove, nella classifica delle migliori Università al mondo, la prima si posiziona al 188° posto, quella di Bologna.

Nel paese quartier generale del Vaticano questi non sono certo dati casuali; ci vogliono un paese di dementi, rincoglioniti e superstiziosi che pregano davanti alle Madonne che piangono!! L'Italia è il paese di IDIOCRACY. Dove i pochi soldi della gente vengono impiegati per andare a vedere un film di Checco Zalone, il più visto di sempre nella storia del cinema italiano.

Il nostro è il paese dove le scorregge di Frank Matano totalizzano 8 MILIONI E 500 MILA VISITATORI su YouTube!

Quale documentario di controinformazione può arrivare a tanto?
In questo paese di merda ridotto sul lastrico questi cattolici parassiti al governo non ti danno nemmeno un euro di sussidio se sei povero e disoccupato (tranne cassaintegrati e altri paraculati sindacali), e per non morire di fame ti devi obbligatoriamente rivolgere alla Caritas e alla Comunità di Sant'Egidio; questi parassiti e moralisti cattolici vogliono che i poveracci ritornino a Dio per mezzo della disperazione fabbricata a tavolino dalle loro riforme; e quale migliore strategia di aumentare i fedeli quella di proporre la Chiesa Cattolica al popolo ignorante e impoverito come la "salvatrice" che, tramite la carità stracciona della Caritas, ti fornisce, con le tasche degli altri, un pasto o un pacco di pasta?
Riso, pasta e alimenti sono aiuti UE o di altri donatori, distribuiti dalla manovalanza gratuita fornita dai fedeli e non te li regala certo il Vaticano.

Sapendo ciò non sarete più sorpresi nell'apprendere che "tutti gli altri paesi dell’Europa a 28 (tranne Italia e Grecia) hanno adottato da tempo forme di reddito minimo garantito per consentire ai loro cittadini più deboli di vivere una vita dignitosa."
Senza aggiungere altro vi lascio alla lettura dell'articolo tratto da Il Fatto Quotidiano:

Reddito garantito: 1.300 euro al mese in Danimarca, 460 in Francia. La mappa
Mentre in Italia giacciono in Parlamento proposte di legge mai discusse, nel resto d'Europa sono in vigore forme di sostegno e sussidi non destinati solo ai disoccupati. Dal modello scandinavo all'esperimento francese, ecco come funzionano e quanto valgono. Ma il primato va all'Alaska (grazie al petrolio). In Brasile povertà dimezzata con il piano di Luladi Marco Quarantelli | 24 ottobre 2013

L’ultima ad entrare nel club è stata l’Ungheria, nel 2009. Tutti gli altri paesi dell’Europa a 28 (tranne Italia e Grecia) hanno adottato da tempo forme di reddito minimo garantito per consentire ai loro cittadini più deboli di vivere una vita dignitosa, così come l’Europa chiede fin dal 1992. Strumento pensato per alleviare la condizione di insicurezza di chi vive al di sotto della soglia di povertà, in caso di perdita del lavoro il reddito minimo scatta quando è scaduta l’indennità di disoccupazione (che in Italia è l’ultima tutela disponibile) e il disoccupato non ha ancora trovato un nuovo impiego. Ma nell’Ue ne beneficia anche chi non riesce a riemergere dallo stato di bisogno nonostante abbia un lavoro. Negli ultimi anni la tendenza generalizzata, secondo il rapporto The role of minimum income for social inclusion in the European Union 2007-2010 stilato dal Direttorato generale per le politiche interne del Parlamento Ue, è stata quella di razionalizzare i vari sistemi, cercando di legare più che in passato il sostegno a misure per rafforzare il mercato del lavoro in modo da creare occupazione e ridurre il numero dei beneficiari. Ma il reddito minimo continua ad assolvere alla sua funzione: quella di ultimo baluardo garantito dagli Stati contro l’indigenza.
DANIMARCA - Il modello scandinavo. Informato ai principi dell’universalismo, il sistema danese è tra i più avanzati del continente ed è basato su un pilastro principale: il Kontanthjælp, l’assistenza sociale. Il sussidio è tra i più ricchi: la base per un singolo over 25 è di 1.325 euro (escluso l’aiuto per l’affitto, che viene elargito a parte), che arrivano a 1.760 per chi ha figli. I beneficiari che non hanno inabilità al lavoro sono obbligati a cercare attivamente un’occupazione e ad accettare offerte appropriate al loro curriculum, pena la sospensione del diritto. A differenza della maggior parte degli altri paesi, il sussidio è tassabile. E se ci si assenta dal lavoro senza giustificati motivi, viene ridotto in base alle ore di assenza. Fino al febbraio 2012, poi, esisteva lo Starthjælp, letteralmente “l’indennità di avviamento ad una vita autonoma”, il cui contributo minimo era di 853 euro: il beneficio è stato abolito in un tentativo di riorganizzazione e razionalizzazione del sistema.
GERMANIA – Il modello centroeuropeo. In Germania lo schema di reddito minimo è basato su 3 pilastri: l’Hilfe zum Lebensunterhalt, letteralmente un “aiuto per il sostentamento“, un assegno sociale per i pensionati in condizioni di bisogno (Grundsicherung im Alter) e un sostegno ai disoccupati con ridotte capacità lavorative (Erwerbsminderung). Dal 1° gennaio 2013 il contributo di primo livello (il più alto) è di 382 euro per un singolo senza reddito. Sussidi per l’affitto e ilriscaldamento vengono elargiti a parte, come le indennità integrative per i disabili, i genitori soli e le donne in gravidanza. Lo Stato pensa anche alla prole: 289 euro per ogni figlio tra i 14 e i 18 anni, 255 euro tra i 6 e i 14 anni, 224 euro da 0 a 5 anni. La durata è illimitata, con accertamenti ogni 6 mesi sui requisiti dei beneficiari, a patto che chi è abile al lavoro segua programmi di reinserimento e accetti offerte congrue alla sua formazione. Ne hanno diritto i cittadini tedeschi, gli stranieri provenienti da paesi Ue che hanno firmato il Social Security agreement e i rifugiati politici.
REGNO UNITO – Il modello anglosassone. Oltremanica il reddito minimo è garantito da un complesso sistema di sussidi basati sulla “prova dei mezzi”, la misura del reddito dei richiedenti. L’Income Support è uno schema che fornisce aiuto a chi non ha un lavoro full time (16 ore o più a settimana per il richiedente, 24 per il partner) e vive al di sotto della soglia di povertà. Il sostegno ha durata illimitata finché sussistono le condizioni per averlo e varia in base ad età, struttura della famiglia, eventuali disabilità, risorse che i beneficiari hanno a disposizione: chi ha in banca più di 16mila sterline non può accedervi e depositi superiori alle 6mila riducono l’importo del sostegno. Le cifre: i single tra i 16 e i 24 anni percepiscono 56,80 pound a settimana, gli over 24 arrivano a 71,70 (per un totale di circa 300 sterline al mese, pari a 330 euro, contro le 370 del 2007). Un aiuto dello stesso importo garantisce la Jobseeker Allowance, riservata agli iscritti nelle liste di disoccupazione: “Per riceverlo il candidato deve recarsi ogni due settimane in un Jobcenter e dimostrare che sta attivamente cercando lavoro”. Lo Stato aiuta chi ha bisogno anche a pagare l’affitto e garantisce alle famiglie assegni per il mantenimento dei figli.
FRANCIA – Esperimento di reddito modulare. A due diversi tipi di sostegno rivolti ai disoccupati, si è aggiunto nel 1988 il Revenu Minimun d’Insertion, sostituito nel giugno 2009 dal Revenu de Solidarité Active. Ne ha diritto chi risiede nel paese da più di 5 anni, ha più di 25 anni, chi è più giovane ma ha un figlio a carico o 2 anni di lavoro sul curriculum. Un singolo percepisce 460 euro mensili (in aumento dai 441 del 2007), una coppia con 2 figli 966 euro. E il sussidio, che dura 3 mesi e può essere rinnovato, aumenta con l’aumentare della prole. Perché il sostegno non si trasformi in un disincentivo al lavoro, il beneficiario deve dimostrare di cercare attivamente un’occupazione, partecipare a programmi di formazione e l’importo del beneficio è modulare: man mano che cresce il reddito da lavoro, diminuisce il sussidio, ma in questo modo il reddito disponibile aumenta.
BUONE PRATICHE

Belgio. Quello belga è un sistema rigido, ma generoso: 725 euro il contributo mensile per un singolo. Con l’inizio della crisi Bruxelles ha, inoltre, aumentato le tutele, adottando nel luglio 2008 per gli anni 2009-2011 l’Anti-Poverty Plan, un’ulteriore serie di misure per garantire il diritto alla salute, al lavoro, alla casa, all’energia, ai servizi pubblici. Inoltre il Belgio è tra i paesi che, con Germania e Danimarca, consentono di rifiutare un lavoro perché non congruo al proprio livello professionale senza vedersi sospeso il sussidio (idea affine a quella proposta in Italia da M5S e Sel): un meccanismo studiato per contrastare quella fascia di lavori a bassa qualificazione che prolifera in conseguenza dell’obbligo di accettare un impiego per non perdere il sostegno.

Irlanda. Anche quello irlandese figura tra i sistemi più generosi: 849 euro il contributo massimo per un singolo. E grazie al Back to Work Allowance nell’isola un disoccupato che intraprende un’attività lavorativa continua ad usufruire dei sussidi per diversi mesi dopo l’avvio del lavoro. Anche se si riprendono gli studi si può richiedere un sostegno al reddito grazie al Back to study Allowance.

Olanda. I Paesi Bassi, invece, oltre ad avere un sistema di manica larga con singoli (617 euro il contributo mensile massimo) e famiglie (1.234 euro, sia che si tratti di coppie sposate che di coppie di fatto, con figli e senza) hanno messo a punto il Wik, una misura specifica per gli artisti, studiata per garantire una base economica a chi si dedica alla creazione artistica.
RISULTATI. Secondo uno studio commissionato dalla Commissione Europea basato sui report nazionali dello Eu Network of National Independent Experts on Social Inclusion, sono rari i casi in cui il reddito minimo “riduce sensibilmente i livelli aggregati di povertà”: “i paesi che meglio riescono ad elevare le condizioni dei loro cittadini più deboli verso la soglia di povertà sono Irlanda, Svezia, Paesi Bassi e Danimarca”. Svolge, invece, un ruolo importante “nel ridurre l’intensità della povertà”.

ESPERIMENTI NEL MONDO: IL REDDITO DI CITTADINANZA IN ALASKA E BRASILE.
A differenza del reddito minimo, il reddito di cittadinanza, in inglese basic income, è una forma universalistica di sostegno del reddito garantita dallo Stato a tutti i cittadini maggiorenni a prescindere dai loro averi e dalla loro disponibilità a lavorare. Secondo la Global Basic Income Foundation, l’unico paese al mondo in cui esiste un reddito di cittadinanza è l’Alaska. Dal 1982 l’Alaska Permanent Fund, nel quale confluisce almeno il 25% dei proventi dei giacimenti di petrolio e gas dello Stato, garantisce un dividendo a tutti i cittadini residenti da almeno un anno. L’importo varia in base a proventi annui del settore minerario: nel 2011 è stato di 1.174 dollari, nel 2008 aveva toccato i 2.100. E si tratta di un sostegno individuale, quindi una famiglia composta da 5 persone riceverà 5 sussidi. Il Brasile, invece, si è dotato di un basic income, la Bolsa Familia, con la legge n. 10.835/2004 promulgata dal presidente Lula l’8 gennaio 2004. In base ai dati della Banca Mondiale, in questi anni la percentuale di persone che vivevano sotto la soglia della povertà (fissata nelle parti più ricche del mondo emergente a 4 dollari al giorno) è scesa dal 42.84%, del 2003 al 27.60% del 2011. E, secondo il Ministero per lo Sviluppo Sociale, il budget per il programma sarà portato dai 10,7 miliardi di dollari del 2012 a 12,7 nel 2013.

fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/10/24/reddito-garantito-1-300-euro-al-mese-in-danimarca-460-in-francia-ecco-mappa/673894/
tratto da
http://nwo-truthresearch.blogspot.it/2013/12/italia-un-paese-sul-lastrico-in-mano-al.html

6 commenti:

Anonimo ha detto...

L'Italia, il quartier generale della Chiesa Cattolica, ... sempre più sotto il giogo della dittatura Vaticana.
siete ridicoli: provate ad andare in Cina, o in Arabia Saudita o in uno degli Emirati o in Iran, tutti paesi dove il Vaticano non mette becco e poi ci dite: a meno che siate dei multimiliardari a cui grazie al denaro si aprono tutte le porte

*Dioniso*777* ha detto...

Guarda lo scrivo e sostengo da sempre:
http://fintatolleranza.blogspot.it/2011/04/le-sette-che-governano-il-mondo-chi.html

Le "sette" che governano il mondo a chi fanno capo?
E poi, coma mai che i "forconi" in chiesa ad asserragliarsi non vanno?
Io lo scrivevo ad amici più o meno verso il 18 Ottobre, partiamo, occupiamo le chiese e vendiamoci i loro calici d'oro ....ERESIA!!!!
hahahahahahahahahha
MA DOVE VUOI CHE VADANo ;)
Ciao

Anonimo ha detto...

E' vero, lo stato illegittimo detto "italiano" non dovrebbe dare nulla alla Chiesa: dovrebbe limitarsi a restituire quanto rubatole - alla Chiesa e agli Ordini religiosi - con una guerra finalizzata ad arricchire Massoni&C.
Cominciamo a dire che il Vaticano è proprietà dei Rothschild dai tempi di Gregorio XVI. Che il NWO contro cui scrivete non è gestito da ecclesiastici, ma da chi ha combattuto la Chiesa negli ultimi 2013 anni, anche se il progetto risale a 936 anni prima.
Diciamo allora che la Chiesa stessa è stata infiltrata pesantemente da costoro, poiché la stessa Chiesa era l'ostacolo al mondialismo: era il "Katechon" (2Ts 2), ultimo argine ormai abbattuto.
Detto questo tutto il resto può andare bene.

Anonimo ha detto...

Aggiungo per completezza che il "signoraggio", ossia l'esproprio della sovranità monetaria e conseguentemente di tutta la ricchezza prodotta, non è opera della Chiesa. Se però esiste un debito pubblico e l'Italia è in ginocchio, lo dobbiamo a questo, non alle briciole restituite alla Chiesa. E lo dico da cattolico, "anticlericale" si, ma onesto e completo nel giudizio.

*Dioniso*777* ha detto...

Faccio anch'io una piccola riflessione: Il mercante di Venezia (The Merchant of Venice) è un'opera teatrale di William Shakespeare, scritta probabilmente tra il 1596 e il 1597, parla di come i "CRISTIANI" fossero pronti a linciare ogni ebreo che praticava il prestito a interesse:
Ditemi o coi che conoscete la verità e DIO, nel frattempo, cos'è, ha cambiato idea il TITOLARE?
hahahahahahaha
dai, fanno ridere se ci pensi bene...

vdltube ha detto...

Diversi attivisti del 9dicembre (parzialmente gemellati con "i Forconi") hanno occupato un campanile a Pescincanna (PN) e chiesto asilo politico nella cattedrale di Santa Maria Maggiore ed in Vaticano in occasione della immotivata carica della polizia ai manifestanti in Roma. La chiesa ha appoggiato finchè non ha ricevuto pressioni politico-massoniche

LKWTHIN

altri da leggere

LINK NEOEPI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...